U.S.PERGOLETTESE 1932 Srl
VIA A. DE GASPERI 67 - 26013 CREMA
Tel.0373 226415 / 0373 399932
segreteria@pergolettese.it - ufficiostampa@pergolettese.it

Notizie 0/1

ALESSANDRO LAMBRUGHI:" SARA' UNA BELLA EMOZIONE AFFRONTARE I MIEI EX COMPAGNI."

Torna Indietro

Per ALESSANDRO LAMBRUGHI, quella di sabato contro la Triestina, non sarà una gara come tutte le altre. Quattro stagioni con la maglia albardata, da capitano, restano ben presenti come un pagina felice nella sua carriera. Ora, con la maglia della Pergolettese, sta dimostrando gara dopo gara la sua grande professionalità, cercando di far navigare la nave gialloblù verso acque più tranquille.
ALESSANDRO riesci a descriverci cosa proverai ad affrontare i tuoi ex compagni?
“ Sicuramente sarà una bella emozione. Andiamo ad affrontare una squadra forte , che punta ai piani alti della classifica da diversi anni. Sarà una partita difficile per noi, dovremo stare attenti. Per me sarà una grossa emozione ritrovare quella che è stata la mia famiglia per quattro anni.”

La tua carriera ha avuto due tappe importantissime. Il Livorno nei primi anni, che ti ha dato anche la soddisfazione di esordire in serie A ( settembre 20013 in Sassuolo – Livorno 1-4), e nelle ultime stagioni la Triestina: con quale delle due ti senti più legato o con quale hai i migliori ricordi?
“Ti dico la verità, anche se sono due tifoserie molto diverse, mi sento legato con entrambe le società. In una ho disputato sette stagioni, nell’altra quattro: non sono poche. Mi sono trovato benissimo in entrambe le città e ho dei bellissimi ricordi sia dei campionati col Livorno che quelli con la Triestina.”

 

Prima del tuo passaggio alla Triestina, hai avuto una esperienza nel campionato americano con il Miami allenato da Alessandro Nesta.
“Dopo la scadenza del contratto col Livorno, nell’estate del 2017, mi sono ritrovato a fare questa esperienza a Miami. E’ stata una esperienza sia di calcio che di vita che mi è piaciuta molto e che rifarei senza problemi. Anche questo è un bel ricordo e un bagaglio che mi porto dietro.

Tra le altre cose sei stato tra i fondatori e testimonial del gruppo onlus “ Live Onlus” associazione che si occupa di progetti benefici a 360°.
Sì ormai sono più di dieci anni che collaboro con questa associazione benefica “Live onlus”. Praticamente con la raccolta di cimeli calcistici o di altri sport, organizziamo delle aste per raccogliere più fondi possibili per poi poter donare defibrillatori o quant’altro serve anche con altri progetti, a società che ne hanno bisogno o anche oratori che non possono permetterselo. Solo di defibrillatori siamo arrivati a donarne quasi 230. Questa attività benefica l’abbiamo intitolata e dedicata al ricordo Piermario Morosini e ogni anno ci inorgoglisce sempre di più. Il Presidente e il suo staff stanno lavorando benissimo: ogni anno è in continua crescita.”

Tornando al calcio giocato, domenica è arrivata la prima vittoria coi primi punti in trasferta per la Pergolettese. C’è un po' di rammarico per i punti buttati al vento un po' banalmente in precedenza?
“Guarda secondo me bisogna essere lucidi nel fare una disanima di queste dodici partite. E’ vero che domenica abbiamo centrato una vittoria importantissima , però, secondo me, alla fine di un campionato o di un girone, gli episodi si vanno a equilibrare. Domenica, probabilmente, se guardiamo agli episodi, non meritavamo al 100% di vincere, ma in altre gare, la vittoria o il punto, l’avremmo più che meritati. Quindi penso che dobbiamo lavorare in questa direzione e già al termine del girone d’andata potremo già tirare le prime somme.

Secondo il tuo parere, la Pergolettese dove può e dove deve crescere.
“Siamo una squadra giovane che ha iniziato a conoscersi solo da luglio. Dobbiamo continuare a lavorare sulla strada che ci sta indirizzando il mister. Continuare a forzare su quello che stiamo facendo, perché stiamo lavorando bene. Non dobbiamo porci degli obiettivi a lungo termine, ma cercare di migliorarsi settimana dopo settimana.”

Quella attuale è una classifica molto corta. L’ultima ha dieci punti e a quattordici sei nei playoff: è un equilibrio che durerà per tutta la stagione?
“A parte quelle quattro, cinque squadre della parte alta della classifica,per il resto sarà un campionato molto livellato. Secondo me, fino alla fine della stagione si battaglierà per ogni singolo punto per scalare ogni posizione possibile in classifica.”

 

In questo momento al vertice della classifica ci sono Sudtirol, Padova, Feralpisalo’ e Renate: pensi che rispecchi i valori fin qui espressi?
“Si’ ma non dimenticherei la Pro Vercelli, che si è un po' staccata ma ha tutte le carte in regola per rientrare nei giochi lì davanti, e non tralascerei neanche la Triestina: hanno tutte rose molto competitive per giocarsi la vittoria del campionato.”

La tua candidata?
“La Triestina.”




U.S.PERGOLETTESE 1932 Srl
VIA A. DE GASPERI 67 - 26013 CREMA
Tel. 0373 226415 / 0373 399932
Stadio      Contatti